....

Inaugurato il nuovo Campo di Addestramento Unità Cinofile da Soccorso della Protezione Civile di Montecchio Maggiore

Da un appartamento scoperchiato a un locale sepolto dai detriti, da un’area con il pavimento flottante per simulare l'instabilità di una zona terremotata alla ricostruzione di una cantina da attraversare al buio. Sono gli scenari di crisi ricreati nel nuovo Campo di Addestramento Unità Cinofile da Soccorso della Protezione Civile di Montecchio Maggiore. Questa mattina, sabato 21 ottobre, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione della struttura in via Natta che sorge in uno spazio di proprietà comunale, ampio circa 5500 metri quadrati, dove già dal 2001 si effettuano esercitazioni. Grazie a un accordo tra la Protezione Civile di Montecchio Maggiore, il Comune di Montecchio Maggiore ed il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, con lavori iniziati nel 2019, l’area è stata completamente ricostruita e rimodellata per simulare vari scenari d'intervento come l'emergenza sismica, crolli e la ricerca di persone sepolte tra le macerie. Al termine delle opere, il Ministero dell’Interno ha assegnato alla struttura la certificazione necessaria per ospitare le esercitazioni delle unità cinofile dei pompieri. Le particolari caratteristiche dell'impianto, come la presenza di tunnel e di una struttura verticale a più piani e alta sei metri, ha già portato diverse squadre di vigili del fuoco, da tutta Italia, a richiedere l'utilizzo del campo per l'addestramento montecchiano.

«Ringrazio i Vigili del Fuoco per l'importante contributo all'esecuzione dell'opera. Un plauso va poi ai volontari: hanno dedicato migliaia di ore del proprio tempo, ottomila in tutto, a questo progetto, sostenuto anche da alcune aziende delle zona intervenute con ruspe ed escavatori o donando il materiale per creare i percorsi», dichiara l'assessore comunale alla Protezione Civile Loris Crocco, anche presidente del Distretto di Protezione Civile “Vicenza 9”. «Questo è uno dei pochi campi di addestramento in Italia della Protezione Civile certificato per le esercitazioni delle unità cinofile dei Vigili del Fuoco. A novembre ospiteremo i campionati nazionali cani da ricerca e da soccorso, mentre ad aprile i mondiali».

«Quattro anni di lavoro e finalmente possiamo festeggiare la riapertura del campo in cui - aggiunge Matteo Fridosio, presidente della Protezione Civile Montecchio Maggiore Odv – arriveranno e sono già arrivate unità cinofile da tutta Italia per addestrarsi con l'obiettivo di salvare vite umane».

Il nuovo campo permette di ospitare e addestrare più unità contemporaneamente. La cosiddetta “area macerie”, ampia circa 1700 metri quadrati, è attraversata da un tunnel centrale semisepolto lungo 46 metri e collegato ad altre 13 diramazioni. Lo sviluppo complessivo è di 138 metri con 35 postazioni-vittima (oltre ad altre 20 esterne, non collegate ai cunicoli), nascondigli per i “dispersi” che devono essere individuati dal fiuto dei cani. La particolare conformazione di questo spazio permette di celare al meglio la traccia olfattiva delle persone da salvare, incrementando l'efficacia dell'allenamento. Inoltre, i detriti bonificati sono stati scelti e posizionati per ricreare diverse tipologie di scenari sconnessi e instabili. L’intera area macerie dispone anche di un impianto di illuminazione per l’eventuale utilizzo notturno. Per dare agli operatori la possibilità di affrontare un percorso formativo graduale con il proprio compagno a quattro zampe, è stata anche creata una zona cuccioli e un'area ubbidienza all'esterno dell’area macerie.

«Grazie all'impegno dei volontari la nostra città dispone ora di un riferimento nazionale nell'ambito dell'addestramento cinofilo in scenari di emergenza», commenta soddisfatto il sindaco Gianfranco Trapula. «Un'attività fondamentale che permette di salvare vite in caso di calamità e di portare speranza. Avere una struttura simile nel nostro territorio, ma a disposizione delle unità cinofile di tutta Italia, non può che renderci orgogliosi».

Tante la autorità presenti ieri al taglio del nastro. Al plauso del Prefetto di Vicenza, Salvatore Caccamo, al costante impegno dei volontari, si è aggiunto quello del Comandante dei Vigili del Fuoco di Vicenza, Andrea Gattuso, che ha definito la struttura come «altamente specialistica», ricordando il passaggio negli ultimi mesi di unità cinofile dei pompieri provenienti da Friuli Venezia Giulia, Basilicata e Toscana. «Questo è un esempio emblematico della professionalità e dello spirito dei volontari», è stato il commento del Consigliere Provinciale delegato alla Protezione Civile, Davide Faccio. All'evento ha preso parte tutta l'amministrazione comunale di Montecchio Maggiore, molti primi cittadini dei Comuni del Distretto di Protezione Civile “Vicenza 9”, autorità militari locali, oltre al Presidente del Consiglio Regionale del Veneto Roberto Ciambetti e al Consigliere Regionale Milena Cecchetto, il Direttore Prevenzione e Coordinamento Emergenza della Protezione Civile Regionale, Tommaso Settin, il parroco don Giuseppe Tassoni che ha benedetto la struttura. Terminati gli interventi delle istituzioni, il campo ha accolto le unità cinofile dei Vigili del Fuoco impegnate in un'esercitazione dimostrativa.

Sabato 24 febbraio, alla presenza di Sindaci e rappresentanti dei 13 comuni afferenti al distretto di Protezione Civile ATO09 - Ovest Vicentino e dei 3 enti gestori degli acquedotti che insistono nei loro territori è stato ufficialmente presentato l'allestimento per il trasporto di acqua potabile in caso di emergenza.

L'acquisto, finanziato attraverso un contributo dei 3 enti gestori, completa la dotazione del mezzo pesante Iveco 180 in dotazione alla nostra associazione ampliandone la capacità operativa su scenari di emergenza idrica (già sperimentata lo scorso luglio a Montebello Vicentino), Antincendio Boschivo (quale mezzo di supporto) e alluvione per il lavaggio strade.

Nelle ultime 24h abbiamo ricevuto alcune segnalazioni da parte di cittadini e aziende del territorio che dichiarano di essere stati contattati telefonicamente da sedicenti operatori della Protezione Civile di Montecchio Maggiore, chiedendo di poter fissare un appuntamento per una eventuale donazione.
 
LA PROTEZIONE CIVILE DI MONTECCHIO MAGGIORE NON EFFETTUA TELEMARKETING, E GLI UNICI CANALI DI COMUNICAZIONI UFFICIALI SONO

➡️ il nostro sito web pcmontecchio.it
➡️ la nostra pagina facebook facebook.com/pcmontecchio
➡️ la nostra pagina instagram instagram.com/pcmontecchio/
➡️ il canale telegram del servizio protezione civile del comune di Montecchio Maggiore t.me/PC_MontecchioM
➡️ il sito del comune di Montecchio Maggiore comune.montecchio-maggiore.vi.it
 
 
In accordo con le forze dell'ordine, si invita la Cittadinanza a segnalare al numero di emergenza distrettuale 0444 694848 eventuali telefonate sospette.

Chi sfrutta per scopi illeciti la solidarietà e il volontariato, oltre a commettere un grave reato, mina la credibilità e la fiducia costruita nel corso degli anni, andando a danneggiare l'intero sistema e la sua risposta in caso di emergenza.

Quasi 10°000 ore erogate a titolo gratuito, delle quali oltre 1600 dedicate a interventi in emergenza. Ma anche prevenzione e formazione, rispettivamente con oltre 440 e 880 ore.

Sono questi i numeri emersi lo scorso 4 aprile in occasione dell'annuale Assemblea degli iscritti. 

I volontari castellani hanno prestato il loro operato volontario in tutta Italia, spaziando dagli interventi ordinari nel nostro distretto ATO09 fino alla campagna antincendio boschivo in Sicilia.


Pubblichiamo qui sotto il resoconto del nostro anno di servizio

 

 

La Regione del Veneto, con comunicazione del 28/04 dichiara cessato lo stato di massima allerta per rischio incendi boschivi sul territorio regionale.

 

AGGIORNAMENTO 24 APRILE 2022 ORE 12:15
 
L'ordigno ha raggiunto la cava di Alonte, dove verrà fatta brillare nelle prossime ore.

E-distribuzione ha riattivato la corrente elettrica nella zona rossa, in caso di malfunzionamenti è possibile contattare il numero verde 803 500

AGGIORNAMENTO 24 APRILE 2022 ORE 11:15
 
L'ordigno è in fase di trasporto.

+++I CITTADINI EVACUATI POSSONO FARE RIENTRO ALLE LORO ABITAZIONI IN ZONA ROSSA+++

Si ringrazia la Cittadinanza per la collaborazione



AGGIORNAMENTO 24 APRILE 2022 ORE 11:15

Gli artificieri dell'esercito hanno appena concluso le operazioni di preparazione al trasporto, e tra poco l'ordigno partirà alla volta della cava situata nel Comune di Alonte (Vi) dove si concluderanno le operazioni di messa in sicurezza.

+++ ATTENDERE ULTERIORI COMUNICAZIONI PRIMA DI RIENTRARE IN ZONA ROSSA+++

 
AGGIORNAMENTO 24 APRILE 2022 ORE 8:30 

Le operazioni di evacuazione dell'area rossa sono concluse.

Dalle ore 8:00 sono iniziate le operazioni di disinnesco da parte degli uomini dell'esercito.

Seguiranno aggiornamenti sui principali canali web e social del Comune di Montebello.
I residenti in area rossa saranno aggiornati anche tramite sms

 



Domenica 24 aprile 2022 gli artificieri dell’Esercito Italiano procederanno al disinnesco della bomba della seconda guerra mondiale rinvenuta in località Cason, a Montebello Vicentino (Vi).
 
Nonostante il disinnesco non interessi il territorio comunale di Montecchio Maggiore, la Protezione Civile di Montecchio Maggiore parteciperà alle operazioni, e gli aggiornamenti live verranno condivisi anche sui nostri canali web e social, al fine di raggiungere in maniera capillare i Cittadini dell'ATO09 Ovest vicentino.
 
Entro le ore 7:40 di domenica 24 aprile 2022 la zona rossa dovrà essere evacuata. Le operazioni di disinnesco dureranno, salvo imprevisti, circa 5 ore.

Per segnalazioni e richieste informazioni è attivo il numero del Centro Operativo di Montebello 
 
338 47 15 717
 
Per ulteriori informazioni, puoi consultare la pagina web dedicata all'evento sul sito del Comune di Montebello qui
 
 
 
 
Seguici anche sul nostro canale telegram QUI
 
 
 

In data 2 febbraio 2022, la Direzione Regionale Protezione Civile e Polizia Locale ha dichiarato, viste le contingenti condizioni meteo-climatiche e vegetazionali, lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi. L'arma più efficace contro gli incendi boschivi è la prevenzione. Seguendo dei corretti comportamenti dettati dal buon senso, come non accendere fuochi in prossimità di aree boschive e segnalare tempestivamente eventuali incendi, possiamo tutelare i nostri colli e le nostre montagne dalla distruzione del fuoco.  

 

In data odierna 27 ottobre  2023, la Direzione Regionale Protezione Civile e Polizia Locale ha dichiarato cessato lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi.  

Lo scorso 11 Maggio si è tenuta l'annuale Assemblea degli iscritti. L'assemblea, tenutasi nel pieno rispetto delle direttive anti covid-19, è stato un momento di condivisione e confronto tra i soci dopo un anno molto impegnativo dal punto di vista degli interventi.

Dal 3 Marzo 2020 al 30 Maggio 2020 è stato attivo h24 il centro operativo comunale, poi convertito in intercomunale, per offrire assistenza ai cittadini durante i mesi peggiori dell'emergenza epidemiologica covid-19. Solo per questa emergenza, sono state erogate oltre 6000 ore di lavoro. 

Altro tassello importante del settore interventi, gli eventi meteo avversi verificatosi nella nostra regione tra l'estate e l'autunno.

Pubblichiamo qui sotto il resoconto del nostro anno di servizio

 

Come annunciato, il passaggio di correnti fredde di origine polare ha portato la neve anche sul nostro territorio. La sala operativa di Montecchio Maggiore sta seguendo l'evoluzione degli eventi e i mezzi sgombraneve e spargisale stanno operando. Tra le 18 e le 23 di Domenica sera è stata effettuata una prima salatura su tutto il territorio, seguita da un secondo passaggio alle 4 di Lunedì mattina sulle arterie principali. I primi accumuli di neve hanno iniziato a manifestarsi dalle 5:15 in poi, con attivazione dei mezzi sgombraneve (9 mezzi con lama e 3 spargisale) dalle 6 in poi. 

Chiediamo alla Cittadinanza pazienza (la neve è di "buona qualità", scende abbastanza consistentemente e accumula con facilità, pertanto saranno necessari continui passaggi dei mezzi) e collaborazione, pulendo il tratto di marciapiede prospicente alla propria abitazione e ricorrendo al numero di emergenza solo per reale necessità.

 

 

È ONLINE LA NUOVA SEZIONE DEL SITO WEB DELLA PROTEZIONE CIVILE DI MONTECCHIO MAGGIORE DEDICATA ESCLUSIVAMENTE ALLE INFORMAZIONI RIGUARDANTI L'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19, LE MISURE DEL GOVERNO E LE INDICAZIONI DEL COMUNE. CLICCA SUL LINK PER ACCEDERVI

 

EMERGENZA COVID-19

 

 

 

 

 

Lo scorso 30 giugno si è tenuta l'annuale Assemblea degli iscritti. L'assemblea, tenutasi nel pieno rispetto delle direttive anti covid-19, è stato un momento di condivisione e confronto tra i soci dopo i mesi di lontananza forzata per la quarantena.

Il 2019 si è rivelato un anno impegnativo per i volontari, con più di 8330 ore di servizio erogate, delle quali ben 1162 dedicate ad interventi in emergenza.

Quasi il 30% delle ore impiegate in interventi in emergenza sono state dedicate all'incendio e successiva bonifica da inquinanti presso l'Isello vernici.

Il 5x1000 è un gesto semplice, volontario e gratuito che ti permette di sostenere in maniera attiva e concreta le realtà italiane del non-profit. Non si tratta di una tassazione aggiuntiva, ma di una quota parte dell'IRPEF che lo Stato destina a non profit, ricerca scientifica e promozione sociale su indicazione del Cittadino. 

Il tuo 5x1000 ci ha permesso di acquistare attrezzatura, formare e aggiornare i volontari che dedicano il proprio tempo alla collettività, e continuare a crescere per rispondere con maggiore efficacia alle situazioni di emergenza.


Per maggiori informazioni su come devolvere il 5x1000 alla Protezione Civile di Montecchio Maggiore, consulta la pagina dedicata al 5x1000

 

 

Dal 5 Maggio 2020, viste le contingenti condizioni meteo-climatiche, si dichiara cessato lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi. Vengono pertanto ripristinate le normali regole previste dall'art.16 delle "Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale della Regione Veneto" sulle modalità di accensione dei fuochi nella aree forestali e agricole

 
SCARICA IL TESTO COMPLETO DELLA NOTA

PRESCRIZIONI DI MASSIMA E DI POLIZIA FORESTALE

 

 

La Protezione Civile di Montecchio Maggiore sbarca su Telegram: Clicca su link t.me/PC_MontecchioM o cercaci sull'app @PC_MontecchioM. Allerte, informazioni utili e news in tempo reale

 

Come seguire il canale Telegram: 

 

  1. Accedi al tuo store delle app e scarica telegram

    ?Scarica telegram per Android

    ?Scarica Telegram per iOS (dispositivi apple)

  2. Registrati con il tuo numero di Cellulare

  3. Cercaci digitando Protezione Civile Montecchio Maggiore sulla barra di ricerca oppure clicca direttamente sul link t.me/PC_MontecchioM

Oggi 7 aprile 2020 la Direzione Regionale Protezione Civile e Polizia Locale ha dichiarato, viste le contingenti condizioni meteo-climatiche e vegetazionali, lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi. L'arma più efficace contro gli incendi boschivi è la prevenzione. Seguendo dei corretti comportamenti dettati dal buon senso, come non accendere fuochi in prossimità di aree boschive e segnalare tempestivamente eventuali incendi, possiamo tutelare i nostri colli e le nostre montagne dalla distruzione del fuoco.  

 

 

 

 

È ONLINE LA NUOVA SEZIONE DEL SITO WEB DELLA PROTEZIONE CIVILE DI MONTECCHIO MAGGIORE DEDICATA ESCLUSIVAMENTE ALLE INFORMAZIONI RIGUARDANTI L'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19, LE MISURE DEL GOVERNO E LE INDICAZIONI DEL COMUNE. CLICCA SUL LINK PER ACCEDERVI

 

EMERGENZA COVID-19

 

 

 

Fino alla fine dell'emergenza COVID19, i cittadini anziani, diversamente abili, in situazioni di necessità sociale o in assenza di una rete familiare che possa supportarli possono rivolgersi alla Protezione Civile di Montecchio Maggiore, che in collaborazione con Associazione Italiana Soccorritori e GSM - Gruppo di Solidarietà e con il patrocinio del Comune di Montecchio Maggiore offre un servizio di assistenza domiciliare per:

  • Consegna a domicilio di farmaci 
    Rivolgiti al tuo medico di base, sarà suo compito consegnare le ricette agli operatori che provvederanno al ritiro e alla consegna
  • Consegna a domicilio di generi di prima necessità
    Chiama il Centro Operativo Comunale, ti metterà in contatto con un esercente della tua zona che offre il servizio di consegna a domicilio
  • Informazioni utili e sostegno alla solitudine

PER INFORMAZIONI CHIAMA LO 0444 694722

LOCANDINA IN FORMATO PDF

 

 

Nuovo decreto del Presidente del Consiglio del 11/03/2020: Il decreto indica ulteriori disposizioni attuative per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 (comunemente detto coronavirus) valide per tutto il territorio nazionale. Spostamenti solo per lavoro, necessità o salute da attestare mediante autocertificazione, chiusura di attività commerciali non ritenute di prima necessità fino al 25 marzo (L'elenco si trova nel decreto dell'11 marzo allegato), vietati tutti gli assembramenti di persone.


AUTOCERTIFICAZIONE PER SPOSTAMENTI - DOWNLOAD FILE WORD

AUTOCERTIFICAZIONE PER SPOSTAMENTI - DOWNLOAD FILE PDF


DPCM 11 MARZO 2020

DPCM 09 MARZO 2020

DPCM 08 MARZO 2020

 

 

Viste le numerose richieste pervenute, pubblichiamo alcuni chiarimenti sul DPCM 08/03, contenuti all'interno dell'ordinanza firmata in data 09/03/2020 dal capo della Protezione Civile Angelo Borelli.

Art. 1, comma 1, lettera a)
evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori di cui al presente articolo, nonche' all'interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessita' ovvero spostamenti per motivi di salute. E' consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;

Tali disposizioni si applicano alle sole persone fisiche. Si considera esclusa ogni applicabilità della misura al transito e trasporto merci ed a tutta la filiera produttiva da e per le zone indicate. Quanto previsto dal medesimo articolo 1, comma 1, lettera a) non vieta alle persone fisiche gli spostamenti su tutto il territorio nazionale per motivi di lavoro, di necessità o per motivi di salute, nonchè lo svolgimento delle conseguenti attività, da attestare mediante autocertificazione. Un divieto assoluto, che non ammette eccezioni, è invece previsto per le persone sottoposte alla misura della quarantena o che sono risultate positive al virus.

 

Art. 1, comma 1, lettera e)
si raccomanda ai datori di lavoro pubblici e privati di promuovere, durante il periodo di efficacia del presente decreto, la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodi di congedo ordinario e di ferie, fermo restando quanto previsto dall'articolo 2, comma 1, lettera r);

Tali disposizioni non prevedono limitazioni all'attività degli uffici pubblici, fermo restando quanto previsto dall'articolo 2, comma 1, lettera r) del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri.

Ci appelliamo alla Popolazione perché segua le indicazioni delle autorità e limiti gli spostamenti superflui.


PUBBLICATO IL DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 8 MARZO 2020.

Il decreto indica ulteriori disposizioni attuative per il contenimento e la gestione dell'emergenza epdemiologica da COVID-19 (comunemente detto coronavirus) valide per tutto il territorio nazionale.

Gli elementi più importanti sono:

  • Sospensione sino al 15 marzo di tutti i servizi educativi (nidi, asili, scuole, università)
  • Raccomandazione a persone anziane o affette da patologie croniche di non uscire dalla propria abitazione o di farlo solo se è strettamente necessario evitando in ogni caso i luoghi affollati
  • in generale deve essere rispettata la distanza interpersonale di 1 metro tra le persone (esercizi commerciali, attività sportive di base, allenamenti...)

Attenzione: sono previste sanzioni  per il mancato rispetto !

    Sospensione fino al 3 aprile

  • di congressi, riunioni, meeting ed eventi sociali
  • attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimiliati
  • apertura dei musei e luoghi della cultura
  • di manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi tipo compresi quelli cinematografici e teatrali che non possano rispettare la distanza di 1 metro tra le persone (fino al 3 aprile)
  • di eventi e competizioni sportive con presenza di pubblico

In allegato il testo completo del Decreto in pdf

DPCM 08 MARZO 2020

 

Con riferimento alla nota della Regione del Veneto datata 05/02/2020 riguardante la dichiarazione dello Stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi, si comunica che, a seguito delle precipitazioni degli ultimi giorni, in data 6/03 è stata comunicata la cessazione dello stesso.

Si ricorda che permangono valide le disposizioni dei singoli comuni in riferimento a divieti di abbruciamento per fini di tutela ambientale.

 

COMUNICATO STAMPA

L’Amministrazione comunale di Montecchio Maggiore ha avuto conferma da parte dell’Ulss 8 Berica di un caso di contagio da Covid-19 di una persona che ha contattato le strutture sanitarie da un domicilio del territorio castellano, ma che non risulta residente in città. Si tratta di un uomo che ora si trova ricoverato all’ospedale San Bortolo di Vicenza.
Siamo in costante contatto con l’Ulss 8. Le autorità sanitarie ci comunicano che allo stato delle cose non c’è alcun motivo di allarme e non sussiste alcuna emergenza sanitaria nella nostra città. 
Ribadiamo comunque le precauzioni da tenere in questo periodo di diffusione del virus e che riguardano l’intera popolazione italiana, ossia: lavarsi spesso le mani; evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute; non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; coprirsi bocca e naso se si starnutisce o si tossisce; non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che non siano prescritti dal medico; pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool; usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate; qualora non necessario, evitare luoghi chiusi e di aggregazione.
 
Il Sindaco,
Gianfranco Trapula.

 

Pubblicata  nuova ordinanza firmata stasera dal Presidente del Consiglio

Leggi qui

In attesa della pubblicazione dell'ordinanza ufficiale del governo, prevista per la giornata odierna, si avvisa la popolazione che fino a domenica 8 marzo saranno sospesi i servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, compresa quella universitaria, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani. Sono altresì sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, sino all’8 marzo 2020, in luoghi pubblici o privati. Seguiranno aggiornamenti

 

Pubblichiamo l'ordinanza del Ministero della Salute scritta d'intesa con il Presidente della Regione del Veneto.

La presente aggiorna e sostituisce i singoli provvedimenti delle Amministrazioni Locali, compresa l'ordinanza del Comune di Montecchio Maggiore di stamani.

Si allega l'ordinanza emessa in data 23/02/2020 dal Comune di Montecchio Maggiore

 

 

ORDINANZA CORONAVIRUS PDF

 

 

ATTIVO NUMERO VERDE REGIONALE 800462340 PER INFORMAZIONI SU INFEZIONE DA CORONAVIRUS
Le persone che temono di essere entrate in contatto con soggetti infetti, ma che non hanno alcun sintomo o che presentano sintomi lievi come febbre e/o tosse senza difficoltà respiratoria, non devono chiamare il 118 e non devono recarsi in ospedale; devono rivolgersi al numero verde 800462340.
Si raccomanda di chiamare il 118 in caso di difficoltà respiratoria.
 
 
 
 

 

Il Sindaco informa che Arpav ha dichiarato dal 10/01/2020 il livello ’’Semaforo rosso – Livello di allerta 2’’ per quel che riguarda la concentrazione di Pm10 nell’aria con bollettino emesso il 09/01/2020. Ne consegue che a far data del 10/01/2020 sono efficaci i divieti previsti in particolare alla lettera c) dell'ordinanza sindacale n. 257 del 16/10/2019

Si ricorda a tutta la Cittadinanza che, al fine di tutelare e preservare il benessere di persone, animali e per ridurre il rischio di incendi, ai sensi della LR. 21/99 art 7 comma 3, l’accensione di fuochi d’artificio e petardi ed il lancio di razzi non utilizzati per fini tecnici o agricoli sono vietati su tutto il territorio comunale. A seguito di presentazione di richiesta scritta e motivata, e/o di iniziativa dell’Amministrazione Comunale, può essere rilasciata l’autorizzazione per l’accensione di fuochi d’artificio e il lancio di razzi e petardi, fino al massimo alle ore 24.30, anche per fini non tecnici o agricoli, in occasione di sagre paesane e/o particolari ricorrenze. In via analoga è inoltre applicabile alle lanterne cinesi l'art. 57 del Testo Unico di Pubblica Sicurezza R.D. 18 giugno 1931, n. 773, secondo il quale: "Senza licenza della autorità locale di pubblica sicurezza non possono spararsi armi da fuoco nè lanciarsi razzi, accendersi fuochi di artificio, innalzarsi aerostati con fiamme, o in genere farsi esplosioni o accensioni pericolose in un luogo abitato o nelle sue adiacenze o lungo una via pubblica o in direzione di essa".

Fonte: Regolamento per la disciplina delle attività rumorose

Certi della vostra collaborazione, la Protezione Civile di Montecchio Maggiore Vi augura una serena notte di Capodanno e un buon 2020!

In vista delle stagione invernale, pubblichiamo il vademecum e Piano neve comunale

E' stata aggiornata la nostra lezione sull'utilizzo delle pompe in attività di protezione 

Ecco il link 


 

Risultato immagini per settimana della protezione civile logo

Dal 13 al 20 ottobre una serie di eventi riguardati la Protezione Civile interesseranno varie località d'Italia

Link al Sito del Dipartimento Protezione Civile


 

Attività gratuite per tutte le età
Presenti i Vigili del Fuoco con Pompieropoli dove i bambini potranno sperimentare in prima persona le attrezzature usate in intervento dai VVF. Sarà presente il CAI con una palestra di roccia ed attività didattiche da parte di tutti gli enti coinvolti.